Il Crowdfunding immobiliare punta sugli HNWI

Crowdfunding immobiliare

Il Crowdfunding immobiliare punta sugli HNWI

Ieri mi sono soffermato su una delle questioni che maggiormente costringe il mercato del CRE italiano a una dimensione ridotta e non paragonabile con quella delle altre economie europee avanzate: quella della mancanza di prodotto.

Ho al riguardo ipotizzato alcune soluzioni, che, dal basso, potrebbero essere propulsive dello sviluppo immobiliare e che potrebbero funzionare anche per aree e immobili che frequentemente ne sono esclusi o comunque ai margini.

Il real estate crowdfunding innegabilmente rientra tra le opzioni a disposizione per dare linfa alla rigenerazione del patrimonio immobiliare del nostro Paese.

Oggi questo strumento, ad opera di Walliance, la piattaforma creata con grande successo da Giacomo e Gianluca Bertoldi, fa un passo avanti.

Infatti, come ci informa con la abituale puntualità Valentina Magri su crowdfundingbuzz.it, sta per essere lanciato un servizio dedicato agli investitori “affluent”, cioè con maggiori disponibilità di investimento.

È, a mio giudizio, un’iniziativa molto interessante e che potrà imprimere un’accelerazione significativa al processo di valorizzazione immobiliare, sia in termini di riqualificazione e che di adeguamento funzionale, del patrimonio.

L’Italia, in particolare in questo momento che è di profonda trasformazione, ne ha assoluto bisogno.

In Italia gli High Net Worth Individual sono 1,5 milioni e detengono in totale 1150 €/mld: inoltre negli ultimi 2 anni la loro ricchezza è cresciuta del 5,2%.
Al di là della definizione non sempre omogenea della categoria e dei suoi segmenti (Very, Ultra e anche Sub-HNVI), cercano asset alternativi in grado di offrire rendimenti interessanti.
Tra l’altro, mentre in Europa gli HNWI destinano a questi investimenti circa il 10% del portafoglio complessivo, in Italia la quota è molto bassa.

È questa la ragione per la quale l’inaugurazione di piattaforme loro dedicate apre delle prospettive molto rilevanti anche per il mercato immobiliare.

Gli immobili sono, infatti, parte significativa degli alternative assets.

Va anche considerato che, in questa fase che, come detto, è di cambiamento del modello di sviluppo e della organizzazione degli spazi, sia urbani che immobiliari, indirizzare il risparmio verso investimenti immobiliari innovativi può significare, da un lato, contribuire alla crescita sostenibile e, dall’altro, offrire rendimenti interessanti e, in certa misura, indipendenti dal contesto economico generale.

Il passaggio ulteriore, a mio modo di vedere, è sperimentare l’operatività del crowdfunding non solo rispetto a progetti immobiliari già definiti, ma anche riguardo a fasi meno avanzate della catena del valore dello sviluppo immobiliare.
Se non riesci a vendere un immobile in Città noi possiamo aiutarti a scoprire come può diventare un’idea di successo. Chiedi la nostra consulenza gratuita qui!

Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)
Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)

Prenota la Consulenza
E’ GRATUITA

 

IMMOBILI ALTERNATIVI
Via S. Carpoforo 9 –  20121 Milano
Via Scipione Capece 10/H – 80122 Napoli

Copyright © Immobili Alternativi 2021 – P.IVA 04741801213

Privacy Policy    –  Cookie Policy

crowdfunding
Alberto Pinto
Fondatore di Immobili Alternativi
Prenota La Consulenza Gratuita

 È una grande opportunità. Non sprecarla!